Novità editoriali

Luciano Barra Caracciolo

Euro e (o?) democrazia costituzionale, Roma, 2013
 
Luciano Barra Caracciolo 
Presidente di Sezione del Consiglio di Stato 
 
Estratto dal libro
Euro e (o?) democrazia costituzionale, Roma, 2013
 
Pubblichiamo con grande piacere l’Introduzione e un capitolo estratto del libro di Luciano Barra Caracciolo (appena pubblicato con la casa editrice Dike).
Il libro merita una particolare attenzione. 
Tra i numerosi pregi vi è sicuramente quello di trattare questioni (sia giuridiche che economiche) di grande attualità e complessità tecnica con un taglio che, pur essendo sempre molto rigoroso, rimane comunque discorsivo ed accessibile anche per chi non è strettamente un tecnico.
L’impostazione – in parte riassunta dal titolo e ulteriormente esplicitata dal sottotitolo (“La convivenza impossibile tra Costituzione e Trattati europei”) – è certamente critica nei confronti del c.d. “fenomeno europeista”, in particolare verso le limitazioni di sovranità (e le connesse restrizioni all’esercizio dei diritti fondamentali, soprattutto sociali) che l’attuazione delle politiche economiche europee impongono agli Stati nazionali. 
Il capitolo che si è scelto evoca un tema oggetto in questi ultimi anni di un acceso dibattito: quello dei c.d. “controlimiti” alla penetrazione e alla prevalenza del diritto europeo.
Il tema in Italia è rimasto per molto tempo sullo sfondo (la Corte costituzionale italiana ha affermato, in teoria, l’esistenza di controlimiti al primato del diritto europeo, ma non ne ha mai fatto una reale e concreta applicazione). In altri Stati membri, a cominciare dalla Germania, il sindacato sul rispetto dei controlimiti, primo fra tutti il rispetto della sovranità popolare, è stato esercitato in maniera molto più diffusa e penetrante. 
Il capitolo che si pubblica propone, in quest’ottica, la praticabilità, da parte della Corte costituzionale, di un sindacato di ragionevolezza economica, che consenta di censurare l’eventuale manifesta inattendibilità tecnica (alla luce delle conoscenze diffuse nella comunità scientifica degli economisti) dei principi economici che ispirano le misure legislative di derivazione comunitaria incidenti in senso restrittivo su diritti fondamentali costituzionalmente rilevanti. 
L’Autore evidenzia, a tal proposito, come lo stesso principio del pareggio di bilancio, nonostante la sua recente costituzionalizzazione, si fondi su premesse economiche quanto meno discutibili alla luce della valutazione che oggi esprime la prevalente comunità scientifica degli economisti.  
 
(Roberto Giovagnoli)
 
Estratto libro Barra Caracciolo (373.91 Kb)