Obbligazioni e contratti

ACCERTAMENTO DELL'INTERPOSIZIONE FITTIZIA NEL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA: IL VENDITORE È LITISCONSORTE NECESSARIO?

Cassazione Civile Sez. Unite, 14 maggio 2013, n. 11523 - Pres. Vittoria, Est. Petitti

 

Nel giudizio volto all’accertamento della simulazione relativa di un contratto di compravendita per interposizione fittizia dell’acquirente, l’alienante non è litisconsorte necessario, allorché, nei suoi riguardi, il negozio sia stato interamente eseguito con l’adempimento delle obbligazioni, tipicamente connesse alla causa del negozio, quali il versamento del corrispettivo ed il perfezionamento dell’effetto traslativo, e non sussista, pertanto, alcun suo interesse ad essere parte del giudizio, a norma dell’art. 100 cod. proc. civ., al fine di conservare come proprio acquirente l’originario stipulante, onde, trattandosi solo di accertare chi, fra interponente ed interposto, abbia acquistato il bene, la sentenza fra di essi pronunciata non è inutiliter data.

 

 


 

11523_Cassazione civile 14 maggio 2013 (1110.52 Kb)