MAGISTRATO ORDINARIO

 CORSO “SOLO TEMI” 

Correzione e spiegazione di 6 tracce assegnate
con cadenza settimanale tra il 30 settembre e il 4 novembre 2020

 

A DISTANZA e IN AULA (su richiesta)
nelle sedi di Roma, Milano, Padova, Torino, Bologna, Napoli,
Bari, Lecce, Catania, Palermo, Cagliari

 

Come esercitarsi per migliorare la scrittura giuridica e per affinare i contenuti concettuali

Il tema del concorso in magistratura (non diversamente da ogni scritto giuridico) è la risultante di due elementi essenziali:
1) sostanza concettuale;

2) forma espositiva.

 

Per migliorare nella redazione del tema occorre, quindi, curare entrambi questi profili.

Il primo rimane quello più importante, perché non c’è forma che, per quanto elegante, possa sopperire la mancanza di contenuti. Il vecchio adagio “non è importante quello che si scrive ma è importante come si scrive“ non è (purtroppo o, forse, per fortuna) del tutto veritiero. Quello che si scrive è importante, non meno di come si scrive.

 

Proprio sulla base di questa consapevolezza, abbiamo sempre guardato con un certo scetticismo l’approccio di chi sostiene che il concorso in magistratura si debba preparare scrivendo più che studiando. Scrivendo su qualsiasi argomento, anche conosciuto, nella (a nostro avvisto fallace) convinzione che qualsiasi traccia possa essere ricostruita, pur ignorando l’argomento, sulla base di un sapiente uso del codice.

 

È certamente vero che noi dobbiamo prepararci per affrontare in sede concorsuale tracce che possono vertere su questioni specifiche che non conosciamo nel dettaglio.

 

È altrettanto vero tuttavia, che nessuna questione potrà essere ricostruita in maniera apprezzabile senza avere una solida conoscenza delle fondamenta degli istituti e dei principi che governo la materia.

Mossi da questa convinzione che da anni proponiamo, ritenendolo complementare al corso ordinario, un modulo denominato “Istituti e principi”, la cui funzione è propria quella di offrire solide basi teoriche. Un corso dedicato a tutti coloro che preparano il concorso in magistratura, anche e soprattutto ai più navigati studenti.

 

Sempre per queste ragioni abbiamo sempre guardato con qualche diffidenza i corsi c.d. solo temi. Che senso ha, infatti, scrivere su argomenti che non sono stati oggetto di spiegazione da parte del docente e di conseguente approfondimento da parte del corsista?

 

Il rischio – effettivamente riscontrato quando in passato abbiamo proposto un modulo analogo – è quello di correggere temi totalmente inadeguati rispetto alle esigenze della traccia, vuoti di contenuti, privi del necessario livello di approfondimento.

 

Correggere un tema di questo tipo richiede al docente uno sforzo enorme, perché (se non ci si vuole limitare alle solite griglie che da sempre ripudiamo) si tratta di rispiegare completamente i contenuti, di fare una mini-lezione individuale per chiarire i tratti essenziali dell’argomento

 

Perché allora oggi proponiamo un corso solo temi?

Sennonché, il momento che viviamo, il differimento del concorso in magistratura di diversi mesi rispetto alla naturale fine dei corsi, ha fatto nascere una esigenza nuova, manifestata da molti studenti: quella di avere a disposizione in questo periodo un modulo che consenta loro di esercitarsi a scrivere dopo aver acquisito per mesi, a volte per anni, la sostanza concettuale, attraverso un’assidua frequenza ai corsi. Qui il discorso è evidentemente diverso, perché proponiamo una possibilità di esercitazione pratica a discenti che hanno seguito un percorso di apprendimento della cui validità siamo certi, avendolo curato personalmente.

Il corso è aperto anche ai non corsisti, previa selezione

Questa è la ragione per la quale il corso “solo temi” sarà aperto, senza preselezione, a chi ha già frequentato un nostro corso negli ultimi tre anni (corso Ordinario, Intensivo, Istituti e principi, i 3 Speciali).

 

Agli altri – per senso di responsabilità e rispetto verso i ragazzi – l’accesso al corso solo temi sarà consentito solo all’esito del superamento di una prova che ci consente di verificare l’effettività utilità di una esercitazione basata esclusivamente sulla redazione del tema.

 

La prova preselettiva consisterà in alcune domande aperte, per ciascuna delle tre materie, alle quali il “candidato” dovrà rispondere rispettando un limite di spazio predefinito (che verrà indicato nel dettaglio al momento della prova). La prova verrà sostenuta a distanza in un giorno stabilito e i candidati avranno a disposizione 60 minuti per inviare l’elaborato.

 

Perché scegliere questo corso solo temi

La qualità di un corso solo temi si basa evidentemente sulla qualità della traccia e delle correzioni.

 

L’importanza di queste ultime è percepita da tutti; a volte si sottovaluta, invece, la centralità della traccia. Non tutte le tracce sono uguali e formulare una traccia non è affatto un’operazione semplice. Noi riteniamo che la traccia debba essere calibrata in modo da dare a tutti la possibilità di scrivere, ma al tempo stesso, sollecitando capacità di ragionamento e sforzo intellettuale. Si impara anche attraverso la traccia, perché a volte anche la lettura di una traccia può essere illuminante e aiutare a cogliere collegamenti e riferimenti concettuali.

 

Sulle correzioni non c’è molto da aggiungere. Chi ha avuto contatto con i nostri corsi, già sa quanto le nostre correzioni siano accurate, personalizzate, dettagliate, esplicative.

Le modalità di svolgimento dell’esercitazione

L’attuale contesto che viviamo ci costringe ovviamente a privilegiare una modalità di redazione del tema a distanza, da casa.

 

I temi devono essere inviati entro otto ore dall’assegnazione della traccia via mail e possono essere scritti sia in formato word sia a penna (e poi scannerizzati), con la preghiera, in questo secondo caso, di curare la leggibilità della calligrafia.

 

Offriamo comunque la possibilità, su richiesta e previa prenotazione, di svolgere il tema in aula nelle sedi di Roma, Milano, Padova, Torino, Bologna, Napoli, Bari, Lecce, Catania, Palermo, Cagliari.

 

Il corso in aula sarà attivato con un minimo di 15 richieste. Le date saranno concordate con gli iscritti (tra il 30 settembre e il 4 novembre 2020).

 

Le esercitazioni “a distanza” si terranno con il seguente calendario nella giornata del mercoledì:

30 settembre 2020 (civile)

7 ottobre 2020 (penale)

14 ottobre 2020 (amministrativo)

21 ottobre 2020 (civile)

28 ottobre 2020 (penale)

4 novembre 2020 (amministrativo)

Con orario 9.00/17.00  

 

La spiegazione delle tracce

E’ possibile integrare la correzione scritta acquistando l’audiolezione della spiegazione orale da parte del docente su come la traccia avrebbe dovuto essere svolta: mezz’ora circa di lezione per ciascuna traccia al fine di cogliere i passaggi essenziali.

 

QUOTE DI PARTECIPAZIONE E MODALITA’ DI PAGAMENTO

L’iscrizione deve avvenire tramite il sito www.jusforyou.it compilando l’apposita scheda e si intende perfezionata al momento dell’invio del pagamento.

 

Per chi ha acquistato il corso Ordinario (2018/2019; 2019/2020) o il corso Intensivo (2019; 2020)

Correzione delle tracce: € 690,00 iva inclusa

Correzione delle tracce + relative spiegazioni: € 890,00 iva inclusa

 

Per chi NON ha acquistato il corso Ordinario (2018/2019; 2019/2020) o il corso Intensivo (2019; 2020)

 

Correzione delle tracce: € 990,00 iva inclusa

Correzione delle tracce + relative spiegazioni: € 1.390,00 iva inclusa

 

 

Il pagamento può avvenire tramite

– Bonifico Bancario intestato a ITA Srl sulle seguenti coordinate:

BANCO DESIO – IBAN: IT12W0344001000000000444300 indicando nella causale il cognome dell’iscritto e il titolo del corso. E’ necessario l’invio del giustificativo di pagamento via via e-mail a info@jusforyou.it.

Pagobancomat/carta di credito

– Assegno da intestare a ITA Srl.

 

 

Per informazioni contattare la Segreteria JUSforyou:

info@jusforyou.it – Tel. 011 56.11.426